skip to Main Content
Vivaio "Terra e Aria"

Terra e Aria non è un semplice vivaio, ma un progetto nato grazie all’esperienza di Ecosol e della Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri onlus, nel settore della formazione professionale all’interno degli Istituti Penitenziari del Piemonte.
Attraverso questo percorso i detenuti-allievi, imparano ad occuparsi della gestione di un vivaio e della coltivazione e riproduzione di piante.
Un progetto che Ecosol ha voluto concreto nel quale i detenuti trovano un’occasione reale per rimettersi al passo nei confronti della società, una nuova opportunità lavorativa, con un vero stipendio grazie al quale prendersi cura delle proprie famiglie.

Terra e Aria è infatti sì, un vivaio, ma prima ancora un percorso di formazione, pratico e teorico attraverso il quale alunni-detenuti iniziano ad occuparsi di tutte le fasi: riproduzione da seme, messa a dimora, coltivazione, mantenimento e confezionamento con l’uso consapevole di materiali da riciclo. Il risultato è un vivaio che in tutte le stagioni produce piante da appartamento o da esterni, adatte a tutte le esigenze, e uno stipendio per i detenuti che ci lavorano. Il progetto parte dal presupposto che la messa in pratica delle attività agricole e legate al giardinaggio all’interno delle mura, abbia un valore sociale, terapeutico e rieducativo. La dedizione però non s’insegna. Quella nasce da una libera scelta ed è l’ingrediente che permette al vivaio Terra e Aria di crescere rigoglioso.

Il Vivaio è nato per questo. Per offrire, a chi la sceglie consapevolmente, un’occasione per rimettersi al passo con la società. Perché crediamo e puntiamo su chi ha sbagliato, nella convinzione che abbia il diritto ad un’altra possibilità, oltre le discriminazioni. Questo cambiamento, comincia da un corso in vivaismo, giardinaggio e floricoltura che si svolge proprio all’interno del carcere. Grazie a questo percorso formativo, i detenuti imparano una nuova professione e iniziano a percepire uno stipendio.
Il risultato sono fiori e piante, da interni e da esterni, coltivati con profonda dedizione. Sceglierli significa guardare un po’ oltre il proprio giardino e credere nei vantaggi di un concreto percorso lavorativo per i detenuti.

Back To Top